Vai al contenuto

6 Momenti importanti per Bitcoin e le Crypto questa settimana

  • di
Crypto Luna

Che cosa diavolo è appena successo? Ecco una rapida occhiata ai momenti più importanti che ha definito una delle settimane più “pazze” della storia del mondo Crypto.

Da dove possiamo iniziare?

In 10 anni da quando mi informo sulle Cryptovalute ho visto accadere moltissime cose pazze, ma mai come quelle successe questa settimana.

In passato ci sono stati sicuramente eventi che hanno scosso profondamente il settore, come l’Hack di Mt. Gox oppure Tesla che ha acquistato 1.5 miliardi di dollari di Bitcoin, ma mai una cascata di eventi come quelli appena visti.

Nei prossimi giorni ci saranno molte riflessioni su ciò che ha causato questo disastro, e sopratutto molte auto-riflessioni della community Crypto che ha tollerato persone che hanno permesso che tutto questo accadesse.

Per ora però limitiamoci a fare il punto della situazione sulla settimana più “pazza” di sempre nel mondo Crypto! Ho raccolto di seguito 6 momenti chiave:

1. La Crypto del momento Terra va in fiamme

Fino alla settimana scorsa Terra era la Crypto più in voga del momento. Il suo Token di Governance LUNA era una delle prime 10 monete per capitalizzazione di mercato e la sua stabile Coin algoritmica ancorata al dollaro UST era la stablecoin n.4 al mondo.

Nel giro di una giornata entrambe sono andate a ZERO!

In questo istante, LUNA viene scambiata a una frazione di una frazione di un centesimo, mentre UST ha toccato il fondo a circa 13 centesimi.

Molti progetti sono falliti prima di Terra, ma mai uno così grande e mai in un modo così spettacolare. Il mondo delle cryptovalute parlerà di questo disastro per anni a venire.

2. 200 miliardi di Dollari in Cryptovalute vaporizzati in 24 Ore

Secondo i report di Bloomberg e di altri Big del settore, prima del crollo di Terra i mercati avevano già perso 1 trilione di dollari.

Con Terra se ne sono vaporizzati circa 200 milioni di dollari in meno di 24 ore!

Per darvi un’idea di quanto sia cresciuto il mercato crypto negli ultimi anni, 200 milioni di dollari sono più dell’intera capitalizzazione del mercato di Bitcoin nel 2020.

Le perdite sono state enormi, ma se vogliamo vedere il lato positivo delle cose, il crollo non è stato determinato soltanto dalla morte di Terra, ma di una serie di manovre macroeconomiche che ci hanno portato a questa situazione. Questo è un lato positivo, indica infatti che il mercato oggi è abbastanza grande da sopravvivere a una perdita di tale portata.

Ma ragazzi sono sempre 200 miliardi di dollari in 24 ore! Attenzione..

3. Crollo COIN

Giovedì le azioni di Coinbase (COIN) hanno toccato il fondo a 40,83 dollari, un calo del 90% rispetto al suo lancio ad aprile dell’anno scorso a circa 381 dollari.

Coinbase è la società leader dell’industria delle Cryptovalute e, a differenza di molte aziende tecnologiche, è stata in profitto, per la maggior parte della sua esistenza.

La spirale verso il basso di Coinbase, viene quindi poco spiegata, e riflette molto il fatto che Wall Street non sa ancora come valutare le criptovalute. (Venerdì, le azioni hanno iniziato nuovamente a risalire fino a quasi 70 dollari).

4. Il Segretario Yellen dice che le Crypto non rappresentano alcun rischio sistemico

Yellen per chi non la conoscesse è il segretario al Tesoro Americano, e questa settimana è saltata fuori con una frase molto forte, nei confronti del mercato Crypto che ormai non si può più ignorare.

Ai più sarà sfuggita, nel marasma fuoriuscito questa settimana, ma è un problema se il segretario al Tesoro, afferma al Congresso che le Cryptovalute non rappresentano un “rischio sistemico” per l’economia americana e quindi globale.

Questo ci fa presagire che ci siano in atto dei piani per apporre all’industria una serie di nuove norme punitive.

Staremo a vedere cosa succederà nei prossimi mesi..

5. Tether spacca il dollaro?

Le stablecoin per definizione dovrebbero essere stabili. Questa settimana ha messo in discussione tutto. Tether (USDT), la più grande stabilecoin al mondo, è scesa brevemente a 95 centesimi, per poi recuperare poco dopo.

Tether ha avuto anche in passato momenti in cui non ha seguito il dollaro pari pari. Ma la diatriba scaturita con Terra questa settimana ha messo sotto i riflettori anche lei.

Ci si sta chiedendo se le stablecoin sono veramente così stabili come ci vogliono far credere, oppure se il rischio di andare a ZERO è reale anche per un big come Tether.

Staremo a vedere..

6. Musk dice “forse no” a Twitter

La notizia non c’entra molto con il mondo delle Cryptovalute, se non per il fatto che Elon è un grande estimatore di questo mondo.

Non sarebbe la settimana più folle di sempre se non ci fosse anche una sparate delle sue. Il CEO di Tesla infatti venerdì ha iniziato a suggerire che dopotutto potrebbe anche non acquistare Twitter, come aveva precedentemente detto.

Il titolo ha quindi reagito male. In seguito Musk ha chiarito le sue idee dicendosi ancora “impegnato” all’acquisto, ma ormai le sue parole non sono più una certezza, e il dubbio è rimasto a molti.

Twitter è la piattaforma di comunicazione più importante del settore Crypto, e Musk è il suo Influencer principale, quindi qualsiasi cosa succeda sarà importante per tutti.

Questi erano soltanto alcuni dei momenti chiave della settimana, che ha visto delle montagne russe a cui non eravamo sicuramente abituati.

A mio avviso, il mercato ha comunque retto bene, e alla fine dei conti andrà tutto bene, a meno che tu non sia un Terra Holder!

A te va tutta la mia solidarietà ed incoraggiamento!

Per ora è tutto!
Egidiu